Archishanghai: M50 at Moganshan road – Datrans architecture


 

In una Shanghai in continua e rapida trasformazione, alla scoperta di curiosi esperimenti urbani ed imprevedibili mutazioni “archi-genetiche”.

A cura di RonnieB

 

M50 at Moganshan road – Renovation  – DAtrans Architecture

50 Moganshan road, Putuo district, Shanghai, China – 2005/2011

 

Un muro di graffiti; una tela ideale dove artisti e amateurs du genre  possono esprimersi a colpi di spray dalle tinte fluo. Così da sempre si contraddistingue Moganshan road, celebre via nel popolare distretto di Putuo, nella parte nord della città.

E’ qui che si trova il rinomato quartiere M50: un tempo complesso industriale dedito alla produzione di tessuti, ora finestra sul mondo dell’arte contemporanea cinese. A curarne il recupero e’ l’atelier DAtrans Architecture, intraprendente studio locale  che nell’area ha stabilito la sua sede. Pochi e ben calibrati gli interventi messi a punto; tanti gli sforzi per cercare di non stravolgere le preesistenze ed il loro contesto.

Un totem in lamiera metallica traforata dalla forma organica marca l’ingresso principale all’area e insieme ne dichiara la nuova vocazione. Come un faro nell’oceano di cemento che lo circonda, guida il visitatore verso un porto sicuro fatto di gallerie, ateliers e spazi creativi. Gli edifici esistenti, in gran parte recuperati, si aprono su spazi aperti che ricordano vialetti e piazze, contrade e cortili; e ancora sedute, percorsi,  interventi grafici ed insegne multicolori. Da poco un secondo ingresso favorisce il flusso di visitatori; ad accoglierli un’elegante copertura segna la transizione tra il fuori e il dentro,  tra il roboante mondo reale ed uno più effimero, ideale, quasi sussurrato.

E forse è proprio questa la forza di M50: a differenza di molti altri spazi analoghi che recentemente stanno costellando la città in nome dell’arte, vera o presunta, l’area punta su un fascino discreto ed etereo che ancora sfugge ai canoni della gentryfication per lasciare spazio alla diversità, vera ricchezza dei tempi moderni.

 

Leave a Comment