Oli e grassi naturali, sì o no?


Cuc-Chiara, il blog di salute e benessere di Chiara Squinzi

 

Il grasso ti rende grasso e ammalato?

Uno dei luoghi comuni più diffusi sulle diete per perdere peso e per star bene è quello di eliminare i grassi e gli oli; ma la convinzione che scegliere solo i prodotti scremati o ‘senza grasso’ ci renda magri e sani è uno dei pregiudizi più sbagliati nella storia dell’alimentazione.

Questa convinzione errata nasce negli anni ‘80 e ‘90 e ci perseguita ancora adesso con numerose versioni ‘low-fat’ dei nostri prodotti preferiti; ma quello che l’etichetta sul fronte non ci dice è che quei grassi sono stati sostituiti da qualcos’altro; e quel qualcos’altro è di solito zucchero che crea dipendenza e porta a numerosi problemi come il diabete e che a differenza dei grassi, non ci fa sentire sazi.

Tuttavia, una dieta ricca di grassi saturi, che si trovano nella carne rossa, salumi e latticini, è altrettanto non salutare. Questi, infatti, compromettono la nostra salute in maniera fondamentale; in particolare quella del nostro cuore. Per non parlare delle grandi quantità di calorie che questi cibi portano con sé; 5 fettine di salame hanno le stesse calorie di una mela e mezza.

Ma allora cosa mangiare? Perché il nostro corpo funzioni al meglio, abbiamo bisogno di assumere grassi insaturi; questi sono molto importanti per il nostro organismo perché:

– costituiscono riserva energetica;

– sono precursori degli ormoni (bassi livelli di certi ormoni ostacolano il dimagrimento, abbassano il metabolismo e stimolano l’accumulo di adipe);

– compongono le membrane cellulari;

– controllano le malattie cardiache.

I grassi insaturi sono contenuti:

Negli oli:

– olio extravergine di oliva

– olio di lino (che non va mai cucinato altrimenti diventa tossico)

– olio di sesamo (che non va mai cucinato altrimenti diventa tossico)

– olio di noce (che non va mai cucinato altrimenti diventa tossico)

– olio di salmone

– olio di mais (il mais è solitamente geneticamente modificato, pertanto consiglio di acquistare il biologico)

-olio di soia (la soia è solitamente geneticamente modificata, pertanto consiglio di acquistare il biologico)

– olio di semi di girasole

– olio di semi di papavero

– di avocado

– di palma

Nella frutta secca e oleosa:

– noci

– nocciole

– mandorle

– anacardi

– pinoli

– noci pecan

– pistacchi

– noci macadamia

– arachidi

Nei semi:

di zucca

– di girasole

– di lino

– di canapa

– di sesamo

– di senape

– di chia

e in altri cibi come i pesci grassi (salmone, tonno, sgrombro, trota e sardine) il tofu, l’avocado, le olive, il peperoncino ed il pepe cayenne. Il cocco contiene grassi saturi ma è l’unico tipo che fa bene all’organismo per cui puoi cominciare a sperimentare con il suo olio, latte e scaglie; questi sono buonissimi in ricette dal tono asiatico.

L’unico inconveniente con questi alimenti è che contengono molte calorie; è importante sapere che tutti i tipi di grassi contengono 9 calorie per grammo, anziché 4 come le proteine e i carboidrati. Ma questo non significa che si debbano eliminare del tutto; invece è necessario prestare attenzione alla quantità: la dose consigliata va dai 15 ai 30 grammi per pasto; questo equivale a uno o due cucchiai. Il mio consiglio è quello di, inizialmente, usare un bilancino o un misurino prima di versarli sul cibo così puoi imparare ad estimare quanti grassi ingerisci.

La nostra dieta, quella mediterranea, prevede l’utilizzo di molti di questi ingredienti, per cui consiglio vivamente di continuare, o ricominciare, a mangiare cibo più tradizionale, preferibilmente cucinato in casa, invece che i cibi confezionati che troviamo al supermercato.

Infine, per promuovere ancor di più il nostro amato olio d’oliva, ho il piacere di condividere alcuni trucchi di bellezza che ne prevedono l’utilizzo; l’olio di oliva può essere usato:

– sulla pelle: la protegge dall’invecchiamento, la tonifica e le dona una maggiore elasticità, evita il formarsi di smagliature e previene la creazione delle macchie senili; massaggiato freddo subito dopo doccia o bagno esso rivela un consistente potere tonificante, utilizzato assieme al sale grosso diventa un ingrediente base per uno scrub semplice ma efficace. Sul viso può essere usato per maschere naturali fatte in casa (per pelli secche si consiglia una maschera a base di olio d’oliva, tuorlo d’uovo e miele, per pelli grasse è possibile utilizzare invece un’emulsione a base di olio d’oliva e limone, per pelli arrossate o soggette a screpolature un infuso a base di olio d’oliva e camomilla);

– sui capelli: conferisce luminosità alle chiome, li rende setosi e splendenti e crea una guaina che li protegge da smog e agenti atmosferici;

– sulle unghie: per rinforzare le unghie e farle crescere più velocemente è possibile usare un impacco al limone e olio in cui immergere le unghie per 10 minuti;

– sulle ciglia: emulsionare due parti di olio di ricino e una parte di olio d’oliva e stendere sulle ciglia per tutta la notte, per ciglia lunghissime e forti.

Gli oli sono molto facili da trovare a Shanghai; tutte le maggiori catene di negozi come il Carrefur, CityShop, CitySuper, Pines, Ole Supermarket, Fields, Kate&Kimmy, Lianhua, e Dia hanno molti tipi di oli dai diversi livelli di qualità e di prezzo ma per la frutta secca oleosa, bisogna prestare attenzione che sia cruda (non arrostita) e senza additivi come il sale, il miele, gli MSG e lo zucchero. Queste possono essere acquistate da Kate&Kimmy, Fields and dalla benvoluta Wulumuqi/Avocado Lady che ha il negozio su Wulumuqi Road e Fuxing Road.

Se avete qualche domanda sugli oli e i grassi naturali, scrivetemi pure una mail a chiara @laholista.com – sarò molto felice di rispondervi.

In salute,

Chiara

Leave a Comment