Comprare auto a Shanghai, da sapere…


 

Per spostarsi a Shanghai si puo’ benissimo fare a meno dell’auto, considerato i mezzi pubblici capillari, le app per i taxi come DIDI DACHE e soprattutto la comodita’ di UBER che ora viene riproposto ancora in versione inglese dopo l’acquisto di Uber China da parte di DIDI DACHE.

Per non dire delle bici in sharing o della comodita’ di un economicissimo 电动车 diandongche, il motorino elettrico che non richiede targa, casco, assicurazione (consigliato pero’ farne una comunque, vedi a questo link)

Pero’ un’auto rimane comoda, specie se si vive fuori del centro o si ha famiglia, meno utile sicuramente per andare al pub o al M1NT visti i severissimi controlli sull’alcohol per chi guida, che prevedono ritiro della patente e un periodo in gattabuia nei casi piu’ gravi.

Ma come funziona l’acquisto di un’auto in Cina?

Per prima cosa bisogna fare l’omologazione della patente che avete, che si ottiene facendo un esame scritto in inglese su una base di quesiti da studiare sui testi disponibili.

Ottenuta questa, potete guidare (auto, non van o minivan se fate omologazione patente B), quindi e’ il momento di prendere un’auto.

Per le marche e modelli non avete problema come basta vedere il parco auto che sfila per le strade, se dovete tenere in considerazione i costi, allora ne dovete contare due, uno che e’ quello dell’auto, l’altro e’ quello della targa…

Partiamo dalla targa che la cosa piu’ dura da digerire. Per circolare liberamente a Shanghai bisogna avere la 沪牌 Hu Pai, dove Hu sta per Shanghai, Pai per targa, che e’ quella contraddistinta dal carattere HU e un numero di serie: 沪XXXXX. Questa targa permette di andare ovunque in citta’; auto invece che hanno targhe di altre zone possono entrare a Shanghai ma hanno limiti riguardo l’uso della sopraelevata (高架 gaojia) e dei ponti principali.

 

Salire sulla gaojia o attraversare i ponti sul fiume con targhe da fuori e negli orari non consentiti fa fioccare multe a pioggia. Non sono solo i poliziotti che vi possono fermare e fare la multa ma anche le videocamere della polizia installare lungo il tragitto che scansionano le targhe e vi mandano il verbale a casa.

La cosa piu’ economica da fare e’ acquistare una targa di fuori, ci sono agenzie preposte a questo per un costo di qualche migliaio di RMB. Quindi avrete sull’auto una targa del Jiangsu, Zhejiang o altre localita’. Le HU PAI sono invece emesse dalla motorizzazione di Shanghai nel numero di 8mila al mese, ogni mese c’e’ richiesta per circa 20-25mila nuove immatricolazioni, quindi molti restano esclusi e devono aspettare. I tempi per avere una HU PAI sono mediamente di 1.5/2 anni e il costo intorno agli 80-100mila RMB. Anche volendo pagare di piu’ rivolgendosi agli huangniu (allibratori) non e’ sempre detto che si riesca a ottenerla in tempi piu’ brevi…

Quindi molti come fanno? Acquistano l’auto dei desideri e poi si fanno dare una targa WAI DI (外地车牌)per circolare almeno sulle strade normali, allo stesso tempo fanno domanda per avere la targa di Shanghai. Altri invece prendono la targa WAI DI e basta, senza poi richiedere quella cittadina.

Quali sono le limitazioni alla circolazione di auto con targa WAI DI? Per prima cosa non si puo’ salire sulla gaojia o su alcuni ponti che collegano Puxi e Pudong in certi orari, ad esempio allo stato attuale dalle 7AM alle 10AM, e dalle 3PM alle 8PM. Negli altri orari e nel fine settimana si puo’ usare la gaojia anche senza avere una targa di Shanghai. Pero’ attenzione, le regole possono cambiare in certi periodi dell’anno oppure cambiare in maniera radicale nel prossimo futuro perche’ la tendenza e’ di introdurre sempre piu’ limitazioni alle targhe da fuori.

Dal 2015 e’ pero’ entrato in vigore un pacchetto di incentivi per l’acquisto di auto ibride, dette HUNCHE 混车 , benzina+elettrico. Tra gli incentivi la cosa piu’ interessante riguarda l’assegnazione della targa di Shanghai in automatico, quindi senza dover fare domanda e soprattutto senza pagarla!

Due sono le marche che abbiamo preso in considerazione con modelli ibridi e con prezzi contenuti: BYD e ROEWE.

La prima e’ quella piu’ lanciata nell’ibrido, con modelli berlina e SUV tra cui il TANG, TANG 100 e il recentissimo mini SUV uscito a giugno di quest’anno: SONG e SONG DM.

BYD SONG DM

BYD TANG

Se il modello TANG ha un motore di 2.0 ed e’ leggermente piu’ ampio, il SONG e’ un’ottima soluzione con un costo piu’ contenuto e un motore di 1.5 (a partire da 170mila RMB il secondo, da 220mila il primo).

Nel prezzo viene data come detto la targa che e’ distinta dal colore verde sfumato bianco per le auto ibride e anche il montaggio dell’apparecchiatura per la ricarica a corrente, da installare obbligatoriamente nel parcheggio di casa o in azienda (ma qui ci e’ stato detto che esistono vari modi per interpretarla, nel caso non aveste un posto auto attrezzato). Si puo’ caricare anche con presa normale di casa 220 V.

Quanto costa un’auto non ibrida? Il paragone con le auto “normali” e’ presto fatto, sia BYD che ROEWE hanno entrambe le versioni, solo motore termico o ibrida per diversi modelli. Un’auto a benzina media costa a partire da 60-70mila RMB, per la targa il concessionario vi puo’ aiutare per averne una WAI DI o per fare la domanda per la HU PAI. Considerato il costo medio di 80mila per una targa di Shanghai, aggiungendolo a quello anche minimo di un’auto a benzina si arriva tranquillamente alla cifra di un’auto ibrida con targa della citta’, se non anche di piu’.

Per i modelli ROEWE potete seguire questo LINK.

Circa 10 anni fa a chi apriva una azienda in Cina venivano date un paio di targhe da usare per le macchine aziendali. Ora questo regalo non esiste piu’. E’ probabile che questo incentivo per le auto ibride non durera’ a lungo, per cui se avete intenzione di acquistarne una meglio sbrigarsi. Tra l’altro BIY fino al 21 luglio ha una ulteriore promozione che elimina il pagamento del passaggio di proprieta’ (10% del valore).

Se avete bisogno di approfondire la cosa chiamateci pure, non lavoriamo coi rivenditori ma qualche dettaglio maggiore lo diamo volentieri.

 

 

Leave a Comment