Medi-Cina: Inverno, inquinamento e pelle secca


 

– a cura della Dott.ssa Kyoko Morishita Accame, DeltaWest Clinic Shanghai – 

 

Potreste non aver mai avuto problemi di pelle fino a quando non avete incominciato a vivere in Cina.

L’inquinamento atmosferico e l’aria secca invernale di Shanghai per esempio, possono influire sullo stato della pelle al punto da irruvidirla. Frequenti docce ed un gel specifico, o fare un bagno in vasca con sapone a schiuma potrebbe deteriorarne ulteriormente lo stato.

Tre sono i punti cruciali per prevenire la pelle secca 

  1. L’uso di saponi idratanti
  2. L’uso di vasellina bianca dopo ogni bagno e doccia
  3. Evitare di grattarsi anche in presenza di prurito

1. Uso di saponi idratanti

Anche a Shanghai si trova una vasta gamma di prodotti da banco, in farmacia o nelle grosse catene di distribuzione. Vengono spacciati per “idratanti” anche se in effetti solo l’utilizzatore può percepirne e giudicarne il beneficio essendovi reazioni cutanee e percezioni individuali diverse da prodotto a prodotto. Vivendo all’estero, e in questo caso in Cina, potra’ essere necessario adottare nuovi prodotti in sostituzione di quelli comunemente usati nel proprio Paese di residenza. E’ consigliabile provarne diversi fino a trovare quello piu’ adatto.

2. Vasellina bianca

La vasellina e’ alquanto untuosa e percio’ non molto gradita quanto invece le lozioni e le creme. Pero’ il suo effetto e’ piu’ marcato e duraturo nel tempo. Non contiene fragranze e trattiene l’umidita’ naturale della pelle, laddove quasi tutti gli altri prodotti  contengono fragranze e sono a base acquosa.

3. Non grattarsi

La pelle secca puo’ diventare alquanto pruriginosa, specialmente in ambienti caldi; come sotto le coperte ad esempio, dove la tentazione di grattarsi diventa forte per non dire irresistibile. Il grattarsi puo’ dar luogo a una reazione a catena, aumentare il prurito e deteriorare ulteriormente secchezza e reazioni cutanee collegate. Se un’area della cute diventa rossa e maggiormente irritata e’ meglio rivolgersi al proprio medico di famiglia o a un dermatologo del posto dove si vive in Cina.

 

Leggi altri post della Rubrica Medi-Cina

 

 

Leave a Comment