Le intossicazioni alimentari e la medicina tradizionale cinese


Rubrica a cura di Eleonora  Pallavicino, editor per Pacific Prime – Consulente Assicurativo Internazionale in Cina.

 

Le note sulla medicina tradizionale cinese sono gentilmente fornite da Dr. Doris Rathgeber, General Manager and Founder of Body & Soul – Medical Clinics.

 

Le intossicazioni alimentari e la medicina tradizionale cinese

Abbiamo già affrontato il tema delle intossicazioni alimentari, della loro prevenzione e/o cura in relazione alla vita in Cina e ai viaggi in Asia nella rubrica Assicuratissimi.

Ma c’è ancora un tema importante da prendere in considerazione, ossia il punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese, nelle esperte note della dott.ssa Rathgeber.

Anche la dottoressa punta il dito sulla prevenzione raccomandando la conservazione dei cibi deperibili in frigo, senza soluzione di continuità, ad una temperatura raccomandata sotto i 4 gradi centigradi. A Shanghai attenzione in particolare ai periodi caldi ed umidi, durante i quali anche la formazione di muffe è facile e frequente (talvolta purtroppo anche sui quei cibi che vengono conservati in frigo: esercitate costante vigilanza!). Carne, uova e pesce vanno consumati dopo accurata cottura, evitando i successivi riscaldamenti di avanzi o di preparazioni cotte in anticipo. Durante i viaggi inoltre, vanno assolutamente evitati i succhi freschi, i prodotti caseari di incerta origine, la frutta e le verdure crude.

Nonostante tutte le precauzioni, soprattutto durante i viaggi a zonzo per l’Asia, possono verificarsi occasioni in cui i cibi sono a rischio: ad esempio laddove avvengano interruzioni nella catena del freddo, o manipolazioni di alimenti in condizioni di scarsa pulizia. In questi casi l’acqua, il cibo e le bevande possono essere contaminati da parassiti, virus o tossine aggressivi e dannosi per il nostro corpo e la nostra salute.

Una volta che cibi a rischio vengono consumati, i primi sintomi si manifestano solitamente tra le due e le sei ore successive all’ingestione. I sintomi variano: nausea, diarrea, vomito, dolori addominali e febbre;  e possono persistere poche ore o protrarsi per giorni. Generalmente l’intossicazione alimentare non è rischiosa per la vita, ma ci possono essere eccezioni ed una speciale attenzione va riservata ad anziani, bambini e donne in gravidanza, o a coloro che presentano un sistema immunitario indebolito da malattie pregresse o condizioni croniche di salute; la disidratazione è molto pericolosa e va tenuta a bada costantemente.

Dal momento che nell’ambito della Medicina Tradizionale Cinese l’intossicazione alimentare ricade nell’area dei disordini “digestivi , può essere trattata con le erbe, l’agopuntura ed una terapia alimentare appropriata e “curativa”. La MTC ha sviluppato e raffinato i trattamenti per l’apparato digerente nel corso di duemila anni, con lo scopo di arrestare i sintomi in primis, accelerare la guarigione, ma anche rinforzare l’apparato stesso ed evitare possibili ricadute.

Ecco che cosa un dottore specialista della Medicina Tradizionale potrebbe prescrivervi a Shanghai!

Per la nausea e il vomito – Zenzero si o zenzero no?

Lo zenzero è il leader per il trattamento della nausea. L’infusione di zenzero, o le misture di erbe e zenzero, dall’aroma caratteristico e pungente, possono aiutare a dar sollievo alla nausea e addirittura fermare il vomito.

Però, dal momento che lo zenzero tende ad alzare la temperatura corporea, non ne è indicata l’assunzione nei casi in cui l’intossicazione abbia causato anche febbre. D’altro canto l’aumento di temperatura si riflette sul sistema digerente aiutando a calmare il dolore e i crampi addominali. Sarà lo specialista MTC a valutare caso per caso quale scelta sia la più corretta.

Per la diarrea

L’intossicazione alimentare è valutata dalla Medicina Tradizionale Cinese come una perturbazione del sistema digerente da parte dell’“umidità” o del  “calore”.

Ecco perché erbe e cibi dalle proprietà  rinfrescanti e disinfiammanti sono raccomandati. Come l’infuso di menta, per esempio, o i brodi di verdure;  Preparati di erbe miste e scelte allo scopo vengono solitamente prescritti al paziente; inoltre, al fine di migliorare l’idratazione, non solo l’acqua pura ma anche il tè senza zucchero possono essere utili, in alternanza con le soluzioni saline.

La raccomandazione, soprattutto nel caso dei bambini, sono sorsi piccoli somministrati ad intervalli di dieci minuti se la situazione generale consente allo stomaco di tollerare l’assunzione di liquidi. Non appena è possibile ricominciare a nutrirsi il cibo da preferire è naturalmente il riso bollito.

Per la febbre

La febbre che insorge talvolta come conseguenza dell’intossicazione alimentare indica che il corpo sta combattendo con le tossine. L’abbassamento forzato della febbre con i farmaci non è visto come necessariamente vantaggioso per la ripresa del paziente da parte della MTC. Il focus è invece più sul riposo e sul sonno; inoltre, contrariamente a quanto avviene nella medicina occidentale, la Medicina Tradizionale Cinese raccomanda che i pazienti febbricitanti siano tenuti nel tepore e coperti, e trattati con il balsamo di tigre o con  oli rinfrescanti come quello di menta, eucalipto o malaleuca (tea tree).

Un rimedio domestico cinese per l’intossicazione alimentare è l’ingestione di due “Yang mei”, ossia frutti di Myrica Rubra (vedi sotto), sotto spirito, quindi ad alto contenuto alcolico. Questi fruttini calmano il dolore, regolano i movimenti peristaltici e possono accelerare un miglioramento generale.

Quando il picco dell’intossicazione è superato ed i sintomi più sgradevoli sono stati neutralizzati e superati, i pazienti tendono ancora a lamentare un senso generale di debolezza e costante inappetenza. In questo caso l’agopuntura è elettiva per rinforzare il corpo e restituire pieno equilibrio ed efficienza all’apparato digerente.

Attenzione: anche i preparati fitoterapici della Medicina Tradizionale Cinese possono avere effetti collaterali ed alcuni sono decisamente sconsigliati durante la gravidanza!

Come per i farmaci della medicina occidentale, anche le medicine cinesi vanno prescritte da un medico abilitato. Non usateli come “fai da te”!

Note e Curiosità

Yang mei (杨梅), il frutto della Myrica Rubra è chiamato yumberry o bayberry in inglese e pare non avere un nome specifico in italiano tranne il nomignolo “fragola cinese”. Viene prodotto da una pianta sempreverde che cresce nella Cina del sud (Yunnan, e aree lungo lo Yangze)  e non è sempre di facile reperibilità nei mercati. Il frutto è tondo, dalla buccia rugosa e rossa brillante, con un grosso nocciolo, e la polpa simile all’esterno del frutto, dolce e sugosa. Si può confondere con il lycee. Nella medicina cinese vengono attribuite a questo frutto proprietà tonificanti e stimolanti, il che è comprensibile considerandone il contenuto di vitamine (A, C, E), acido folico, selenio e molecole naturali antiossidanti (OPC). Il succo puro di Myrica Rubra pare dunque essere un toccasana per le funzioni fisiche e mentali in momenti di elevata performance. In Cina i frutti di Yang mei oltre ad essere consumati freschi vengono sciroppati con l’immersione in bai jiu o in altre bevande alcoliche.

***

 

Nel darvi appuntamento al prossimo post sulla Medicina Cinese, vorremmo ricordare che molte ottime polizze internazionali o locali includono nelle loro coperture la Medicina Tradizionale Cinese, le sedute di agopuntura o altre terapie alternative.

Se vi interessa sapere quali polizze possono includere nelle loro coperture le medicine alternative, o se desiderate ulteriori informazioni e/o richiedere un preventivo, non esitate a contattare gratuitamente PACIFIC PRIME.

Paolo Bonomi, il tuo contatto in italiano a Pacific Prime

Potete parlare in italiano con il nostro consulente specializzato Paolo Bonomi, direttamente al telefono:

0086 21 21 2426 6523

o via mail: italiansales@pacificprime.com

PACIFIC PRIME è un intermediario internazionale di assicurazioni di vasta esperienza e l’unico in grado di offrire una consulenza specializzata sul mercato cinese.

Oltre ad aiutarvi nella scelta della miglior copertura sanitaria possibile, selezionando quanto di meglio è disponibile presso i maggiori assicuratori internazionali e locali, gli esperti consulenti di Pacific Prime possono guidarvi anche nella scelta di coperture appropriate per il vostro business, per la casa, per il viaggio e per la persona.

www.pacificprime.cn

PACIFIC PRIME SHANGHAI: 19th Piano, Yunhai Building, 1329 Huaihai Zhong Lu, 200031 Shanghai, Cina. – Tel: 0086-21-24266400

 

Ringraziamo per la collaborazione:

Body and Soul Medical Clinics

 

Downtown Clinic & Lifestyle Center – Xintiandi

 

 

An Ji Plaza, 14/F, 760 South Xizang Road

T: (+86 21) 5101 9262

E: huangpu@bodyandsoul.com.cn

 

Four Seasons Clinic – Jing’an

Four Seasons Hotel, Level 6, 500 Weihai Rd

T: (+86) 150 0059 7770

E: jingan@bodyandsoul.com.cn

 

Hongmei Road Clinic – Hongqiao

Zhi Di Plaza, 211 Chengjiaqiao Zhi Road

T: (+86 21) 6461 6550

E: minhang@bodyandsoul.com.cn

 

Century Park Clinic – Pudong

Jin Ying Bld (B), Room 1303

1518 Minsheng Road, 80 Hanxiao Road

T: (+86 21) 6162 0361

E: pudong@bodyandsoul.com.cn

 

www.bodyandsoul.com.cn

 

Leave a Comment