Shanghai-Milano con pit stop da(l) GUSTOROTONDO


 

Avviso ai naviganti, italiani e stranieri: se avete programmato un viaggio a Milano, per affari o piacere, inserite nella tabella di marcia una sosta da Gustorotondo, in via Boccaccio 14. Non ve ne pentirete e se atterrate a Malpensa e vi dirigete in città con il treno “express”, andateci subito, dato che si trova a due minuti da Cadorna. Giovanni e Maria, i proprietari, vi accoglieranno a braccia aperte e per ristorarvi dalla stanchezza del volo- e della preminenza che gli avete accordato – vi offriranno, minimo, del buon cioccolato artigianale. Lo stesso con cui hanno fatto innamorare dei dolci italiani (e non solo) i giovani Cinesi che vivono a Milano e che stanno diventando degli habitué del posto, estimatori delle sue prelibatezze e assidui frequentatori degli eventi che organizza mensilmente.



Giovanni De Simone copy Maria Salvatoni copy

Insomma, lo avrete capito,  Gustorotondo rappresenta una visita da non perdere, ma non finisce qui. E’ anche e soprattutto un piccolo tempio dell’enogastronomia italiana che propone raffinati e originali prodotti regionali, molti dei quali venduti in esclusiva, scelti personalmente da Giovanni de Simone e Maria Salvatoni che periodicamente fanno il giro dell’Italia, in cerca dei nuovi talenti dell’agro-alimentare tricolore. In più Gustorotondo è un luogo di ritrovo internazionale, tutti i giorni dell’anno e ancor di più un giovedì al mese, in corrispondenza degli aperitivi- i famosi “Giovedì di Gustorotondo”- organizzati per presentare cibi e bevande di stagione e i giusti abbinamenti a tavola. Il prossimo di questi eventi sarà giovedì 17 novembre, con protagonisti i vini biologici delle cantine Fasoli Gino (Veneto) e Foffani (Friuli). Infine, sebbene per importanza meriterebbe l’inizio, Gustorotondo è un sito di e-commerce, privo di spese di spedizione in Italia e con tariffe agevolate per le consegne in Europa. Approfittatene, visto che il Natale si avvicina e fate il pieno di cose buone, comodamente seduti davanti al vostro pc.  Magari il prossimo anno, non si sa mai,  potrete usufruire del servizio dalla Cina.

DSCN3203 copy

 

Ai Cinesi piace il nostro negozio, vanno pazzi per il cioccolato che vendiamo: Giraudi, 100% piemontese, per i biscotti e i succhi di frutta che proponiamo- affermano Giovanni e Maria, filosofo lui, architetto lei, instancabili lavoratori e affabili “padroni di casa”- si tratta perlopiù di clienti giovani, che si trovano in Italia per motivi di studio, molti di loro parlano bene l’italiano, conoscono la nostra cultura e adorano il cibo made in Italy”.

E a proposito di Cinesi, in un periodo in cui a Milano molti esercizi commerciali hanno chiuso i battenti,  a causa della crisi e sono stati rimpiazzati da ristoranti e botteghe di proprietà orientale, Gustorotondo si è lanciato in un’azzardata avventura, aprendo al pubblico due anni fa.  Nessuna paura, però, ma tanta grinta e voglia di fare per Giovanni e Maria che apertamente dichiarano: “il contesto attuale è di grande trasformazione e bisogna adottare una formula che sappia interpretare adeguatamente i tempi”. “Cosa ci rende speciali? Il piccolo negozio di via Boccaccio è proprio un crocevia fra le diverse tendenze attuali: permette alle persone che abitano o lavorano a Milano di vedere e comperare in un negozio fisico, ma è anche il punto di partenza per le spedizioni destinate ai clienti. Il sistema di e-commerce di gustorotondo.it, poi, oltre a rendere i prodotti accessibili alle persone italiane ed europee, permette anche a chi lavora o vive a Milano di acquistare con calma da casa o dall’ufficio, passando a ritirare i pacchetti pronti quando gli è più comodo”.

 

DSCN2443 - Versione 2 copy

 

Tuttavia, in una Milano piena di “monumenti” dell’eno-gastronomia, con Eataly che domina la scena, perché ci sarebbe da scegliere Gustorotondo, viene da chiedersi. “Perché a Milano ci sono diverse realtà enogastronomiche attive, ma i volumi generati sono ancora molto lontani dal soddisfacimento di una domanda in continua crescita” risponde, sicuro di sé, Giovanni.  Inoltre, molti dei prodotti che Gustorotondo ospita sono presenti soltanto lì e in alcuni casi ci siamo spinti verso livelli di qualità difficilmente reperibili altrove. Per fare un esempio, le composte di frutta contengono soltanto un ingrediente, cioè il frutto indicato in etichetta, senza pectina o zuccheri di altra frutta, come uva o mele. Per ottenere 100 grammi di confettura di fichi, vengono utilizzati 175 grammi di fichi maturi, e basta”.

 

DSCN2483 - Versione 2 copy

 

E poi c’è l’innovazione dell’ecommerce, dove la Cina, da sempre, ci supera di gran lunga: “In Italia la percentuale di persone che hanno accesso a Internet è decisamente più bassa rispetto ad altri Paesi, ma in valore assoluto il numero è tutt’altro che insignificante: quasi 29 milioni di persone e la crescita è rapida”. Di qui la scelta di puntare su questo strumento: “in un simile panorama, un elemento per noi è importante: oltre a crescere l’e-commerce in generale, cresce l’e-commerce nel settore del cibo.  A Milano e in altre città, poi, utilizzare il computer o lo smartphone per ordinare cibo sta diventando un’abitudine sempre più diffusa, anche per la presenza di alcune app dalle quali ordinare i cibi dei ristoranti”.

E ora che- speriamo- la vostra curiosità è stata suscitata, in attesa di fare una visita reale da Gustorotondo, fatene una virtuale su Gustorotondo.it, dove troverete ogni ottimo “ben di Dio”, dalle marmellate, agli oli biologici, passando per degli squisiti marrons glacés, tipici di questa stagione.

E se siete a Milano il 17 novembre, non mancate all’appuntamento con il “Giovedì di Gustorotondo”: dalle 18 alle 21, via Boccaccio 14, vini biologici per un aperitivo indimenticabile, con i produttori che accompagneranno gli ospiti nella degustazione, spiegando storia e qualità organolettiche delle loro creazioni e dialogando con chi desidererà sapere qualcosa di più su territori e vitigni affascinanti.

Per i vini di Fasoli Gino, cantina veronese con 100 anni di storia, oltre 30 dei quali dedicati all’agricoltura biologica, sarà presente Mattia Cristofoli, appassionato produttore che, insieme ad altri due giovani agricoltori-imprenditori, Michele Zorzi e Matteo Fasoli, ha dato vita anche a una linea di vini dal nome un po’ scherzoso – la linea si chiama infatti TASI, che in veneto significa ‘taci, stai zitto’, ed è un invito a godere del buon vino con leggerezza e in buona compagnia – e dal contenuto seriamente ottimo. Per i vini dell’Azienda Agricola Foffani, che produce fin dal 1789 nelle splendide terre del Friuli Orientale e unisce a una profonda conoscenza della terra e della vite un continuo e paziente affinamento delle lavorazioni in cantina, saremo guidati da Elisabetta Missoni, moglie di Giovanni Foffani,  il cui stile distinto e al contempo fresco si riflette anche nella produzione vinicola di famiglia.

Di sicuro, incontrerete tanti, vecchi e nuovi, amici Cinesi.

DSCN2578 - Versione 2 copy

 

Leave a Comment