Street food, attenti a…


 

Sono invitanti, sono dappertutto, sono economicissimi, gli stand di street food (路边摊) rappresentano senza dubbio una delle attrattive notturne della citta’. Alzi la mano chi non si e’ mai seduto sopra gli sgabellini rasoterra sul marciapiede a farsi fuori un piatto di chaomian serviti caldi caldi dalla cucina “a vista” del carrettino a fianco?

Costano poco, con 5 yuan o giu di li’ ci si fa fuori un piatto di spaghetti saltati, con circa 2 euro una cena completa, compreso paesaggio notturno di auto che ti passano a un paio di metri e ti mollano sul muso gli scarichi…

Capisco che di notte la fame chimica possa far perdere la testa e buttarsi su ogni cosa somigli a del cibo, ma li avete mai visti arrivare questi ambulanti? Hanno carretti di legno e ferraglia che trascinano quando cala il sole, scaricano tutti gli attrezzi compresa una bombola di gas che se esplode fa saltare mezza Jin Mao Tower, ciotole, piatti e bacchettine e un paio di bidoni di acqua con cui lavano il tutto: mica hanno acqua corrente intorno! In mezzo a questo circo ci sono i vostri ingredienti, ficcati in sacchetti della spesa non proprio igienizzati, sgabelli, tavolini pieghevoli, ma soprattutto a fare bella vista sono un paio di boccioni di olio da frittura di color fogna…

Un anno fa circa la polizia arresto’ una banda di trafficanti di olio da cucina che riciclavano olio di scarto per rivenderlo ai ristoranti. Forse non avrebbe fatto tanta notizia se questi non avessero rifornito la mensa dei tutori dell’ordine, che per più di un anno si sono ingozzati di oliaccio di pattumiera. Oltre che essere arrestati, i fraudolenti sono stati anche ben pestati dai poliziotti leggermente incazzati. Da allora gli scandali e arresti per traffico di olio sozzo non sono mica diminuiti, anzi…

Gutter oil in inglese, digou you 地沟油 in cinese, e’ l’olio di scarto dei ristoranti, olio di scarico che non va a finire giu’ nella cloaca perché’ intaserebbe le fognature gia’ fetenti di Shanghai e viene raccolto in bidoni che poi vengono ritirati da quelli che vediamo tutti in carretto o in bicicletta passarti accanto sul marciapiede. Bene, questo olio i ristoratori mica lo regalano, siccome la domanda e’ alta, lo vendono, capace che in un anno un ristorante ne venda per qualche migliaio di yuan anche. Poi viene trattato e ritinto per essere rivenduto come olio da cucina nuovo ad altri ristoranti.

Direte voi che si vede subito che non e’ olio nuovo. Certo, il ristoratore ha modo di vederlo ma dato il prezzo talmente conveniente e i clienti che non se ne accorgono, specie se il livello del ristorante e’ basso e la clientela non e’ schizzinosa, spingono molti a farne uso.

Ora, secondo voi per strada, coi prezzi che fanno e il livello di igiene degli stand, sommato alla fame lupa che la gente ha di notte vanno a sprecare olio pulito e rimetterci?

Olio a parte, di recente degli studenti cinesi hanno fatto una ricerca e relative analisi sui noti skewers, gli spiedini che ti cucinano per strada sopra una bicicletta attrezzata a barbecue. Solo il 20% della carne testata era di agnello, il resto mischiata con pollo, manzo, maiale quando andava bene, senno’ anche… ratto!

Quindi gli altri posti son sicuri? Non sempre, una bettola che vi fa pagare un pasto più’ che gli stand per strada ma sempre per pochi yuan, dove pensate faccia il guadagno? Carni ciancicate o scarti di altri piatti, farine scadenti, verdure mezze marce o non lavate, olio come sopra, in aggiunta a cuochi da due lire che mica stanno a guardare se dentro il wok ci finisce la cenere della sigaretta o cosa…

Vi siete mai chiesti perche’ i cinesi al ristorante raramente ordinano il riso saltato, per non dire del riso bianco? Perche’ e’ facile da riciclare, quello che oggi e’ avanzato, una volta saltato un attimo e’ buono anche domani o dopodomani, idem per il riso bianco. Uno avanza del riso in una ciotola, lo butti via? Come da noi il pane, lo affetti e lo dai al prossimo…

Senza allarmare ma e’ meglio scegliere ristoranti provati e di buona qualità’, anche cinesi certo, e capire che non e’ il glutammato il vostro problema principale…

 

 

 

Leave a Comment