Assicuratissimi: Vaccini per l’infanzia (e non solo) in Cina e coperture assicurative


 

Assicuratissimi è la rubrica su assicurazioni e sanità a cura di Eleonora Pallavicino, editor per Pacific Prime, il vostro broker assicurativo a Shanghai e in Cina. – 

 

Dopo la pubblicazione del post sull’encefalite giapponese ho ricevuto parecchie richieste di chiarimento sul calendario vaccinale cinese e circa la possibilità di includere sotto copertura assicurativa i vaccini per l’infanzia.

Riguardo alle vaccinazioni incluse nel calendario cinese, undici sono quelle richieste nel paese come “obbligatorie”, e sono quelle contro la Tubercolosi (somministrata alla nascita), l’epatite B, la poliomielite, la classica trivalente anti tetanica- pertosse e Difterite, l’antimeningococco A /C, l’antimorbillo, orecchioni e rosolia; infine quella contro l’encefalite giapponese.

Opzionali ma consigliati sono i vaccini per l’epatite A, la varicella e l’influenza stagionale, ed eventualmente la rabbia.

Questo elenco non differisce di molto da quello in vigore in Italia, né variano molto le tempistiche di somministrazione. Mancano tra le obbligatorie la vaccinazione anti-haemophilus tipo B e quella anti pneumococco, che da non molto tempo sono invece state inserite nel calendario vaccinale italiano. In Italia non si somministrano invece, come è noto, la vaccinazione anti tubercolosi, quella anti encefalite giapponese né l’antirabbica è inclusa tra i vaccini consigliati.

Va inoltre notato che esistono oggi due tipi di vaccino anti polio, entrambi efficaci nel prevenire la malattia: il vaccino OPV (vaccino antipolio vivo attenuato, di Sabin) e il vaccino IPV (vaccino antipolio inattivato o ucciso, di Salk).

In Italia attualmente si utilizza il vaccino inattivato di tipo Salk. Il vaccino orale attenuato tipo Sabin è stato utilizzato fino a quando era importante ridurre la circolazione dei virus selvaggi. Ma dall’anno 2002, dopo la scomparsa della poliomielite in Italia la vaccinazione con il vaccino orale OPV è stata sostituita completamente con il vaccino IPV. In Cina viene ancora somministrato il vaccino OPV, ma è opportuno discutere questa opzione con il vostro pediatra di fiducia, dal momento che il vaccino orale è considerato “meno sicuro” (con il Sabin possono verificarsi rari casi di paralisi, circa 1 ogni 500 mila vaccinati). Il passaggio al Salk è una conquista del mondo “ricco” dato che è un vaccino la cui preparazione richiede più tempo ed più costoso rispetto al Sabin; ecco spiegato perché la Cina utilizza ancora la vaccinazione orale.

Tornando alle coperture sanitarie, sappiate che esistono ottime compagnie di assicurazione internazionale che includono nei loro piani le vaccinazioni. Se avete dei bimbi o progettate di diventare mamme presto, pensateci al momento di stipulare la vostra polizza di assicurazione; o se avete già un’assicurazione medica, valutate, al momento del rinnovo, la possibilità di inserire anche una copertura per i vaccini.

Axa General e ICBC Axa includono i vaccini nel loro piano sanitario, sotto la voce della “prevenzione”, con un massimale che può variare tra i 3000 e i 4000 rmb all’anno, senza distinzioni tra bambini ed adulti.

Bupa ha una copertura ottima (circa 11.000 rmb), che ricade sotto i benefici “outpatient (vale a dire visite ed esami ambulatoriali) e che viene offerta per i bimbi fino a 6 anni.

Cigna infine offre copertura totale dei vaccini che ricadono, anche in questo caso, sotto i benefici “outpatient” , ma è l’unica ad avere ha una lista dettagliata dei vaccini stessi: quelli che non sono inseriti in lista non vengono pertanto coperti.

Le compagnie qui indicate non solo offrono copertura per le vaccinazioni ma anche per le visite di prevenzione (controllo della crescita, del peso e del normale sviluppo) che un bimbo piccolo deve effettuare di routine presso il suo pediatra nei primi anni di vita.

Dal momento che in Cina può essere senz’altro più comodo e rassicurante far vaccinare i piccoli presso cliniche o ambulatori privati, la possibilità di proteggere il vostro bambino con un’assicurazione sanitaria internazionale è un’ottima scelta, anche per il vostro portafoglio.

***

Se desiderate ricevere ulteriori informazioni sulle polizze assicurative sanitarie per gli espatriati o per il viaggio non esitate a contattare Pacific Prime, leader nell’intermediazione assicurativa per gli espatriati in Cina.

Potete parlare – in italiano – con il nostro consulente specializzato Gianni Airoldi, al telefono:  +86 21 2426 6538 oppure via email: italiansales@pacificprime.com

Pacific Prime è un intermediario internazionale d’assicurazione di vasta esperienza e l’unico in grado di offrire una consulenza specializzata sul mercato cinese.

Oltre ad aiutarvi nella scelta della miglior copertura sanitaria possibile, selezionando quanto di meglio è disponibile presso i maggiori assicuratori internazionali e locali, gli esperti consulenti di Pacific Prime possono guidarvi anche nella scelta di coperture appropriate per il vostro business, per la casa, per il viaggio e per la persona.

Pacific Prime SHANGHAI: Piano 19, Yunhai Building, 1329 Huaihai Zhong Lu,  200031 Shanghai, Cina.  – Tel: 0086-21-24266400

visitate il nostro sito: www.pacificprime.com


Leave a Comment