Vita da pedoni


 

Il pedone in Cina e a Shanghai e’ l’ultimo anello della catena alimentare del traffico, piu’ sotto con meno diritti ci sono solo i cani da passeggio e i cincilla’.

Il pedone non ha infatti uno status rispettabile, ne’ quando attraversa la strada ne’ quando sta nella sua riserva naturale che e’ il marciapiede.

I predatori naturali del pedone a Shanghai sono in ordine di lesione crescente:

  1. il pedone prossimo tuo che ti viene addosso mentre parla al telefono o pensa ai fatti suoi
  2. la bicicletta che salta sul marciapiede per sfuggire a sua volta al suo predatore naturale, l’auto.
  3. la bici elettrica, che viaggia al doppio di velocita’ della prima ed e’ silenziosamente mortale
  4. la moto, ma ancora di piu’ il motorino scassato a gpl
  5. l’auto o il bus, specie quando girano a destra con la svolta continua.

Sul marciapiede e’ bene non zig zagare troppo per non essere investiti dalla bici o moto che viene da dietro a tutta velocita’ e per la quale siete solo un ostacolo.

Attraversare la strada: diffidate dei semafori verdi perche’ tra la svolta continua a destra delle auto, quelli che sono passati col giallo e non si pongono il problema che per voi e’ verde, gli altri che hanno il verde lo stesso e se ne fregano, alla fine il modo migliore per attraversare e’ aspettare che sia rosso per voi cosi’ almeno siete anche voi in contravvenzione e quindi in sintonia col traffico.

Strisce pedonali: trappole per pedoni, niente da’ piu’ gusto all’automobilista che travolgere uno sulle zebre, salvo chiedersi dopo che ci facevi li sopra e in mezzo alla sua strada. Mai e poi mai lanciarsi alla cieca sopra questi dipinti, farlo con molta circospezioni perche’ manco rallentano…

Non cercate MAI di ostacolare un’auto che vi vuole passare sopra, fatevi da parte e scusatevi per esistere.

 

Leave a Comment